Attività

I segreti della corsa

Un metodo per ottenere un fisico modellato e magro è quello della corsa

Tenersi in forma e modellare il fisico sono attività che richiedono un discreto sacrificio che con il tempo ripaga tutti gli sforzi fatti. Un metodo per ottenere un fisico modellato e magro è quello della corsa. Molti al sentire parlare della corsa si sentono già stanchi, in verità è solo questione di abitudine e di allenamento.

Il tempo darà tutte le risposte che cercate di ottenere con questo sport, i risultati sono unici e invidiabili; il corpo si modella e i muscoli migliorano le loro stesse prestazioni. Inoltre la corsa fa bene anche alla salute; migliora il sistema cardiocircolatorio, favorisce la rigenerazione delle cellule adipose per via della sudorazione, rigenera la fluidità del plasma e rinvigorisce anche l’umore.

Come possiamo imparare a correre? E già, tutti pensano di saper correre, ma dopo pochi minuti si sentono sconfitti e rinunciano ancor prima di cominciare. Di seguito forniremo qualche suggerimento su come imparare a correre, ad avere resistenza e a dimagrire grazie a questo sport.

Ci vuole molta pazienza, quindi armatevi di calma e con il tempo saprete che cosa significa imparare a correre. Le prime volte dovrete avere un ritmo lento, ma ancor prima dovrete riscaldare i vostri muscoli con qualche esercizio di stretching.

Allungate i muscoli delle gambe soprattutto, ecco come fare:

In piedi in posizione rilassata alzate una gamba piegandola in modo che il tallone poggi sul gluteo, poggiate la mano dello stesso lato (destro con destro e viceversa sinistro con sinistro) sulla punta del piede e spingete leggermente, sentirete il muscolo della coscia tirare leggermente, eseguite lo stesso anche con l’altro lato.
Stendete il busto.

In piedi sempre in posizione eretta e rilassata gambe leggermente divaricate, abbassate il busto in avanti finché le mani poggeranno il pavimento (arrivate fin dove potete, l’importante è che i muscoli siano rilassati); eseguite lo stesso flettendoti sui fianchi; in posizione eretta prima curvate il busto sul lato sinistro e poi su quello destro. Le mani vanno poggiate sui fianchi quando vi flettete sul lato destro, la mano sinistra si alza passando sopra la testa per seguire l’andamento del busto, fate lo stesso anche con il secondo lato.

Riscaldate i polpacci

Ponetevi di fronte un muro, la vostra posizione è eretta, le braccia sono larghe quanto l’ampiezza delle vostre spalle. Portate una gamba in avanti piegando il ginocchio come se faceste un passo, il piede va poggiato tutto a terra, e le mani vanno poggiate aperte alla parete, state attenti a non piegare il busto in avanti che deve mantenersi eretto; l’altra gamba resterà perfettamente dritta. Tirate finché sentirete il polpaccio di questa ultima che inizierà a tirare. Eseguite anche con l’altra gamba lo stesso movimento. Adesso siete pronti per la vostra corsa.

Le prime volte dovrete alternare la corsa lenta con la camminata veloce per imparare a respirare. Dopo il riscaldamento cominciate a camminare veloce, deve essere quasi una maratona, dopo cinque minuti sostituirete il passo della camminata con quello di una corsa leggera, proseguite fino a quando lo riterrete opportuno. Quando sentirete che il respiro diventa affannoso fermatevi e ricominciate a camminare, non abbattetevi se succederà dopo pochi minuti, se non avete mai corso è normale. L’importante è non pretendere troppo da voi stessi e imparare a correre con piccole tappe come quelle descritte. Non forzatevi, rischiereste solo di farvi del male e di non voler più correre per il troppo sforzo.

Alternate la camminata con la corsa finché a ogni allenamento la corsa prevarrà la camminata in termini di tempo.

esercizi di stretching da fare dopo la corsaSe le prime volte avete corso per 3 minuti consecutivi e poi avete camminato, per poi riprendere a correre per altri 3 minuti ipotetici, il secondo giorno se vi sentite pronti, potrete aumentare di un minuto la vostra resistenza alla corsa. Sembra un processo lungo, ma vi garantisco che con i mesi di allenamento potrete arrivare a correre anche dai 45 ai 60 minuti.

Ricordate di respirare bene, ogni volta che il respiro si farà affannato buttate tutta l’aria che avete in un sol respiro e inspirate lentamente; le prime volte magari fermatevi e camminate interrompendo la vostra corsa lenta quando fate questo esercizio di respirazione. Questo è importante per migliorare la vostra prestazione, allenare il respiro alla fatica e ad aumentare quindi così la stessa resistenza.

A ogni allenamento prefiggetevi di correre per una serie di minuti consecutivi un “tot” in più rispetto all’allenamento precedente come sopra accennato. Arriverete nelle diverse sedute di allenamento a correre dieci minuti e poi quindici e così via. Quest’accrescimento ripeto, avverrà con il tempo. Ci vorranno dei mesi, ma alternando la camminata veloce con la corsa leggera, il vostro fisico sta già ampiamente lavorando alla modellazione dei vostri muscoli.

I primi allenamenti dureranno dai 15 ai 20 minuti totali stretching escluso; s’intende tra camminata e corsa. Mantenete questo ritmo finché i minuti saranno interamente dedicati alla corsa, arrivato a quest’obiettivo, potete cominciare ad aumentare la durata.

Stretching

Quando terminate la vostra seduta di allenamento, ricordate di eseguire nuovamente gli esercizi di stretching descritti all’inizio del post.

Ricordate che se volete avere degli ampi risultati dovete abbinare un’alimentazione sana: cibi cotti senza soffritti, pochi sughi elaborati, pochi carboidrati, preferite mangiarli nei giorni stabiliti all’allenamento; preferire soprattutto molta frutta e verdura ricchi di sali minerali importanti per affrontare lo sforzo fisico dovuto all’attività motoria.

Bevete circa due litri di acqua naturale durante il giorno, limitate per quanto possibile le bibite gassate.

I segreti della corsa
5 (100%) 1 vote
Tags

Articoli simili