Attività

Il Circuit Training e l’AcquaFit

Sono forme di allenamento sostenuto che si svolgono appunto a circuito.

Il Circuit Training e l’Acqua Fit sono forme di allenamento sostenuto che si svolgono appunto a circuito. Il circuito è costituto da diverse stazioni di allenamenti, e devono essere impiegate tutte per un allenamento completo; queste generalmente oscillano tra un numero compreso tra 12 e 20 differenti stazioni per completare ogni fase dell’attività sportiva in essere.

Prima di completare con la spiegazione del Circuit Training, è necessario spendere due parole sullo svolgimento dell’attività fisica.

Allenare il corpo significa cominciare a lavorare sulle diverse zone muscolari, con il preciso intento di dimagrire, migliorare la massa muscolare magra e modellare il tuo fisico. Affinché questo traguardo sia raggiunto, l’allenamento settimanale deve essere suddiviso in diversi momenti. Allenandoti 3 volte a settimana, ciascuno di questi deve essere incentrato su una precisa zona muscolare; un giorno si lavorerà la parte dei muscoli inerenti le braccia, il secondo gli addominali, il terzo le gambe.

Il Circuit Training è quell’allenamento che mira a fortificare la potenza e appunto la forza dei muscoli e la resistenza dell’atleta. Inoltre mira anche a migliorare l’aspetto cardiocircolatorio dello sportivo che intende con questo metodo di allenamento migliorare le sue prestazioni sportive. Di solito si presta ad inserire come programma sportivo anche quello del Circuit Training quando si vogliono migliorare le proprie capacità fisiche, e nello specifico quando sono previste esibizioni agonistiche e simili. E’ un allenamento che può essere svolto sia in palestra con tutti gli strumenti necessari presenti: panche e pesi; oppure anche tranquillamente a casa vostra o nei parchi, l’importante che abbiate abbastanza spazio per potervi muovere.

La particolarità di questo tipo di allenamento consiste nel ridurre i riposi che normalmente intercorrono tra una serie e l’altra; questo perché come detto si mira a migliorare la resistenza fisica e la potenzialità muscolare. Quando un muscolo è soggetto a continuo lavoro fisico in cui il riposo è ridotto al minimo, questo aumenta la sua forza. Sono sempre previste le tre serie, ognuna delle quali può essere costituita da un numero minimo di 10 ripetizioni ad un massimo di 20 per i più preparati sportivamente. Tra una serie e l’altra non devono esserci riposi che invece sono presenti in circa 3 o 5 minuti tra una stazione e la successiva, ossia quando si passa dall’allenamento previsto per le braccia a quello per gli addominali.

Si tratta di un circuito in cui tutti i muscoli principali sono coinvolti nell’allenamento, questo circuito deve essere eseguito in circa 20 o 30 minuti e prevede che sia svolto 2 volte oppure anche 3 se siete particolarmente preparati.

Di seguito forniamo un esempio di allenamento a circuito che prevede sempre un riscaldamento di 10 minuti con bicicletta o con la corsa.

Dopo il riscaldamento iniziale puoi cominciare subito con una serie di esercizi dedicati alle gambe e glutei per esempio: gli affondi.

Affondi
Questi prevedono posizione eretta, braccia alzate con mani incrociate dietro la nuca, le gambe leggermente divaricate; eseguite una specie di passo in avanti piegando il ginocchio, tornate indietro nella posizione iniziale avendo l’accortezza di non sforzare la schiena; se vi viene pesante, potete allenare gambe e glutei con lo squat, che prevede la stessa posizione, e che prevede invece un piegamento delle gambe senza eseguire alcun passo; piegatevi sul posto senza alzare i talloni dei piedi.
Braccia

Piegamenti
I piegamenti allenano la parte superiore del corpo, cono concentrati sulle braccia principalmente, ma interessano anche gran parte del fisico. Sdraiati a terra con l’addome rivolto verso il basso, le braccia devono essere dritte e le mani poggiate saldamente a terra. Il busto tutto eretto non deve toccare il pavimento: piegare le braccia, il viso deve sfiorare il pavimento, tornate nella posizione iniziale.
Addominali

Addominali
Gli addominali si svolgono a terra e possono essere eseguiti in diversi modi. Uno tra questi è il seguente: sdraiati a terra, ginocchia piegate e pianta del piede solida a terra; braccia lungo i fianchi oppure mani incrociate dietro la nuca, spingete il busto in avanti finché non avrete toccato o quasi le ginocchia.
Questi sono tre esercizi di esempio che possono costituire un circuito del Circuit Training, per un allenamento ottimale si consiglia due diversi esercizi per allenare ogni fascia muscolare differente se siete al primo approccio con questo allenamento; successivamente intensificatelo come sopra indicato ( avere circa 12 stazione complessive).

Terminato il primo circuito, ricominciate.

L’acqua Fit, segue lo stesso principio di allenamento, solo che si svolge dentro la piscina, la quale sarà adeguatamente attrezzata per una seduta di allenamento specifico, come sopra abbiamo descritto. In più c’è l’azione dell’acqua che leviga la pelle ed ha un’azione drenante sul corpo.

Il Circuit Training e l’AcquaFit
5 (100%) 1 vote[s]
Tags

Articoli simili